Carenza di vitamina D e suoi rischi

Carenza di vitamina D e suoi rischi

Di: Olivia Cristina

Scopri i sintomi e i rischi di una carenza di vitamina D nel tuo corpo

La vitamina D è una delle vitamine più importanti per il nostro organismo, insieme ad altre vitamine e minerali. Tuttavia, sfortunatamente, a causa della vita attuale, della sua corsa agli alimenti trasformati e della mancanza di un’alimentazione sana, ci ha portato ad avere livelli di vitamina D sempre più bassi nel nostro corpo.

La vitamina D svolge un ruolo cruciale nel corpo umano, influenzando direttamente la salute delle ossa, il sistema immunitario e persino il corretto funzionamento del cuore e dei muscoli. La disabilità è un problema di salute che può colpire persone di ogni età e provenienza. In questo testo esploreremo le cause, i sintomi e le conseguenze della carenza di vitamina D.

Cause della carenza di vitamina D

La principale fonte di vitamina D per il corpo umano è l’esposizione alla luce solare. Quando la pelle è esposta alla luce ultravioletta B (UVB) del sole, sintetizza la vitamina D. Tuttavia, diverse circostanze possono portare a una carenza:

  1. Mancanza di esposizione al sole: Vivere in zone con inverni rigidi, trascorrere la maggior parte del tempo in ambienti chiusi o indossare indumenti che coprano gran parte del corpo può ridurre l’esposizione al sole. In questo senso la raccomandazione è quella di esporsi al sole per almeno 10-15 minuti al giorno. Ma con protezione, ovviamente.
  2. Pigmentazione della pelle: Le persone con la pelle più scura hanno una maggiore quantità di melanina, che può limitare la produzione di vitamina D nella pelle. In questo senso l'ideale per ogni organismo è intorno a 60-70 nmol/L di vit-D in estate e 50 in inverno.
  3. Età avanzata: La capacità del corpo di produrre vitamina D diminuisce con l’età.
  4. Problemi di assorbimento intestinale: I disturbi gastrointestinali, come la celiachia o il morbo di Crohn, possono compromettere un adeguato assorbimento della vitamina D.
  5. Malattie renali: I pazienti con malattie renali possono avere livelli ridotti a causa del fatto che gli enzimi vit-D sono inattivi e necessitano di essere convertiti dagli enzimi renali. Pertanto, se il rene non funziona normalmente a causa di qualche malattia, ha difficoltà a trasformare l’enzima.
  6. Squilibri ormonali e recettori resistenti della vitamina D

Sintomi di carenza di VitaD:

  1. Debolezza muscolare: La vitamina D svolge un ruolo fondamentale nella funzione muscolare, quindi la sua mancanza può causare debolezza.
  2. Dolore osseo: La carenza di vitamina D è associata a problemi ossei come l’osteoporosi e il rachitismo nei bambini.
  3. Fatica: Le persone con bassi livelli di vitamina D possono sentirsi più stanche e avere meno energia, causando un eccesso di sudore, soprattutto nella zona del viso.
  4. Depressione: Gli studi suggeriscono che la vitamina D è legata al benessere mentale e la sua mancanza può contribuire ai sintomi depressivi.
  5. Sistema immunitario indebolito: Bassi livelli di vitamina D possono rendere difficile la difesa del sistema immunitario, portando più facilmente a infezioni e infiammazioni. Inoltre, gli studi indicano che le persone con una carenza di vitamina D nel corpo hanno maggiori probabilità di sviluppare l’artrite reumatoide, il diabete mellito di tipo 1 e la sclerosi multipla.
  6. Cattivo umore: la serotonina (l'ormone della felicità) viene prodotta nel corpo solo quando ha quantità sufficienti di vitamina D, quindi livelli bassi non sono in grado di produrre l'ormone, causando episodi di stress e cattivo umore.
  7. Problemi di vista: Bassi livelli possono colpire la retina e causare cecità notturna e disturbi visivi.
  8. Guarigione lenta: Insieme alla vitamina K e A, la vitamina D svolge un ruolo unico nel garantire una guarigione rapida ed efficiente.
  9. Unghie deboli: La vitamina D può influenzare i livelli di calcio nel corpo, portando a unghie scrostate, fragili e persino flessibili.
  10. Difficoltà a rimanere incinta: La carenza di vitamina D influisce sulla produzione di colesterolo, importante per la produzione degli ormoni sessuali.

Altri sintomi

Altri sintomi più comuni sono: dolore corporeo senza motivo, sudorazione nella zona della testa, varie infezioni in un breve periodo di tempo, aumento di peso, perdita di capelli, malattie infettive come mughetto e mughetto, nonché dolore alla bocca zona a causa della perdita di calcio

Conseguenze della carenza di vitamina D:

A lungo termine, la carenza di vitamina D può avere gravi conseguenze sulla salute. Oltre ai suddetti problemi alle ossa, è stato collegato a un aumento del rischio di malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2, cancro e malattie autoimmuni.

Pertanto, è essenziale mantenere livelli adeguati di vitamina D attraverso l’esposizione al sole, la dieta e, quando necessario, l’integrazione. Se si sospetta una carenza di vitamina D, è consigliabile consultare un operatore sanitario per una valutazione e un trattamento adeguato.

Fonti di vitamina D

Il sole è uno dei tuoi più grandi alleati quando pensi all'aumento dei suoi livelli nel tuo corpo, tuttavia è importante ricordare di usare la protezione solare per evitare scottature ed effetti dannosi sulla pelle a lungo termine come invecchiamento precoce, imperfezioni e la possibilità di cancro della pelle.

Inoltre, esiste un ampio elenco di alimenti che possono aiutarti ad aumentare i tuoi livelli. Sono loro:

  • Tuorlo d'uovo
  • Tonno
  • Salmone
  • Fegato di pollo
  • Tilapia
  • Fegato di manzo
  • Sardina
  • Funghi e altro ancora

Come faccio a sapere se la mia Vit-D è bassa?

Se riscontri uno dei sintomi e dei disturbi sopra menzionati, l'ideale è consultare un medico per analizzare il tuo caso e decidere la migliore linea d'azione riguardo alla sostituzione della vitamina D se questo è il tuo problema. Inoltre, puoi sottoporti a un esame del sangue per la vitamina D, noto anche come idrossivitamina D o 25(OH)D. I valori di riferimento sono:

Superiore a 20 ng/mlValore di una persona sana con i giusti livelli di vitamina D
Tra 30 e 60 ng/mlValore indicato per anziani, donne incinte e pazienti che presentano malattie legate alla carenza di vitamina D come il rachitismo, nonché malattie renali
Tra 10 e 20 ng/mlValore basso con rischio di perdita ossea e possibilità di sviluppare malattie e presentare sintomi
Meno di 10 ng/mlValore estremamente basso e nella maggior parte dei casi è necessario sostituire il farmaco
Allora, ti piacerebbe saperne di più sulla vitamina D? Raccontacelo qui nei commenti e non dimenticare di condividere con i tuoi amici e familiari.
Appassionato di letteratura e tecnologia. Approfondendo la Bibbia e i temi religiosi, colma il divario tra la saggezza antica e la cultura giovanile. Scrivere è la tua conversazione con il mondo.